Luca Forno

Itinerario

proposto da Luca Forno

Il 11/03/2018 Luca Forno ci ha proposto questo itinerario da 590 Km da percorrere in un giorno.

da Genova in giornata: Colle della Maddalena, Cayolle e Lombarda

11/03/2018

Giocoforza il mio itinerario per uno dei giri più classici delle Alpi parte da Genova ma il primo tratto fino a Cuneo lo compio in autostrada. La Genova Savona è però per certi versi divertente e consente, soprattuto nel primo tratto appenninico di spingere abbastanza facendo diventare tranquilli viadotti curvoni veloci in cui spingere fino quasi alla zona rossa del contagiri. Dopo la deviazione per la A33 all'uscita del casello di Cuneo Centro mi incontro con i miei compagni di viaggio e immediatamente partiamo in direzione Colle della Maddalena percorrendo la SS21 che passa da Borgo San Dalmazzo. La strada fino al Colle... una sosta al bar con il dehor è d'obbligo... è forse per condizione dell'asfalto e tracciato una delle più belle tra quelle che consentono di passare in Francia dal Piemonte: unisce tratti molto veloci anche in leggera salita a curve e tornanti stretti in cui la guidabilità e la maneggevolezza della moto prendono il sopravvento rispetto alla "cavalleria"... tuttavia io sono sempre dell'idea che avere tanti cavalli sotto il sedere aiuti molto. All'uscita delle curve più tecniche aprire il gas in 2° è sempre una bella sensazione... La discesa che in realtà per il primo tratto è ancora in falsopiano dal bar della Maddalena è piacevolissima e consente di far correre la moto in modo molto lineare a differenza del on/off che caratterizza alcuni tratti di questo itinerario soprattutto verso valle e nella salita alla Lombarda. Arrivando a Jausiers si è colti da un amletico dubbio: prendere la D64 e spararsi sulla Bonette oppure proseguire per Barcellonette? la scelta si è orientata sulla seconda ipotesi e pasato senza fermarci la cittadina imboccata la D902 la cosa si è fatta seria. Tutto il tratto di strada che passa all'interno del Parco del Mercatour è paesaggisticamente e motociclisticamente uno dei più affascinanti dell'Alta Provenza. Curve su curve in una strada tagliata nella roccia. Il percorso è abbastanza impegnativo con la carreggiata stretta e tavolta un po' sporca di brecciolino o umida. Ma il piacere di guidare lungo questa strada supera tutte le piccole difficoltà. All'altezza di Guillames abbiamo deviato sulla D30 in direzione San Salvatore ed Isola. Si passano quindi in successione tre colli : Valberg, St. Anne e Couillole  Su questa strada ci ha colto un forte acquazzone ma vuoi per la pigrizia di fermarsi anche solo per mettersi antipioggia, intanto eravamo già fradici solo per averci pensato un attimo e vuoi per la concentrazione necessaria a guidare sotto la pioggia non ci siamo fermati. Il gruppo composto da 3 GS una Yamaha R1 e la mia K1200 si è un po' disunito... senza controlli di trazione le due sportive e soprattutto la R1 hanno patito molto mentre i Gs salivano in apparente ed effettiva scioltezza. Modulare il gas all'uscita di curve e tornanti se guidi un 4 cilindri da 170 e 200 cavalli non è cosa semplice. Per fortuna arrivati al Colle della Lombarda la pioggia finiva. Foto di rito sotto il cartello è giù per la discesa che purtroppo oltre alla difficoltà oggettiva di una careggiata strettissime con curve secche presenta un pessimo asfalto. Comunque nel secondo tratto, quello all'interno del bosco, le condizioni migliorano notevolmente e ci si può concedere una andatura più sportiva in cui soprattutto negli allunghi all'uscita delle curve la R1 e la k1200 si facevano valere per quanto in loro possesso. Si rientra sulla SS21 in corrispondenza di Vinadio e si percorre il lungo tratto in statale che consente andature sportiva che certamente non tiene molto conto dei limiti ma certo non si avventura alla velocità di oltre 200/ 220 km/ora a cui mi ha superato una ninja 1000 forse indispettito per il fatto di averlo inavvertitamente superato. Da Cuneo il ritorno l'ho percorso di nuovo in autostrada.

In definitiva un giro bellissimo che consiglio a tutti anche se, partendo da Genova, alla fine della giornata i 600 e passa chilometri percorsi si fanno un po' sentire.

Qui un breve video: https://www.youtube.com/watch?v=Vpk8-hSK6do


La mappa

Le tappe

A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
Nota: Quando i passi sono chiusi, Google Maps non permette di passarci, quindi fuori stagione la mappa apparirà priva del percorso o con itinerari molto più lunghi.
Siamo in attesa che Google Maps integri la possibilità di creare mappe visualizzabili tutto l'anno.